Covid-19: prorogato lo stato di emergenza al 31 gennaio e novità per chi rientra dall’estero

Entra in vigore oggi il Decreto-legge 7 ottobre 2020 Misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e per la continuità operativa del sistema di allerta COVID, nonché attuazione della direttiva (UE) 2020/739 del 3 giugno 2020.

Il decreto-legge:

  • proroga al 31 gennaio 2021 lo stato di emergenza;
  • proroga fino al 15 ottobre 2020 la vigenza del DPCM del 7 settembre 2020;

Per vedere cosa prevede il DPCM del 7 settembre leggi da questo blog.

  • introduce l’obbligo di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, e amplia le circostanze che prevedono l’obbligo di indossarli:
    • Le mascherine dovranno essere indossate non solo nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, ma più in generale nei luoghi al chiuso (diversi dalle abitazioni private) e in tutti i luoghi all’aperto.
    • Si fa eccezione a tali obblighi (sia in luogo chiuso che all’aperto) nei casi in cui, per le caratteristiche del luogo o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi.
    • Sono fatti salvi i protocolli e linee-guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali.

Pertanto:

  • all’esterno in condizione non isolata bisogna indossare la mascherina;
  • i Protocolli Covid-19 aziendali, cioè le regole che le aziende si sono date per il contrasto e contenimento del virus, restano validi almeno fino al 15 ottobre.

PER CHI VIAGGIA ALL’ESTERO attenzione perchè l’Ordinanza del Ministro della Salute del 7 ottobre 2020 ha modificato la lista dei paesi per i quali è richiesto il test molecolare o antigenico.

Obbligo di tampone per l’ingresso in Italia per chi proviene, o ha transitato, in Belgio, Francia, Paesi Bassi, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Repubblica Ceca e Spagna Dalla lista sono stati eliminati Grecia, Malta e Croazia.

Per qualsiasi risposta visita il sito Viaggiare Sicuri o contattaci info@soluzionisr.com

Lascia un commento